dubbi sulla pasturazione

Tecniche classiche da riva, pesca in mare col galleggiante, alla bolognese e all'inglese.
Rispondi
Avatar utente
thomasmore
Junior Spin
Junior Spin
Messaggi: 10
Iscritto il: 03/01/2010, 18:24
Tecnica: spinning
Vivo a: caivano


dubbi sulla pasturazione

Messaggio da thomasmore » 22/03/2010, 21:34

salve ragazzi...volevo chiedere due cose riguardo alla pasturazione 1. usando la bolognese (con finale 0,12 - amo del 16 gamakatsu e bigattino) ho sempre pasturato con il bigattino ma con scarsi risultati. Secondo voi è meglio pasturare con sfarinati o pellet? e in tal caso come preparare la pastura? (chiaramente le prede sperate sono spigole saraghi o occhiate...). 2. usando l'inglese con pasturatore, si potrebbe - o dovrebbe - usare lo sfarinato o solo ed esclusivamente il bigattino?

Un'ultimo dubbio...come si potrebbe evitare la minutaglia che inevitabilmetnte si allama sulle montature leggere? Vi ringrazio preventivamente

Avatar utente
Nino
Site Admin Founder
Site Admin Founder
Messaggi: 8075
Iscritto il: 16/10/2008, 9:06
Tecnica: Spinning-Casting
Interessi: Pesca Sportiva-informatica
Vivo a: Napoli
Il mio Nome: Nino
Località: Napoli
Contatta:


Re: dubbi sulla pasturazione

Messaggio da Nino » 22/03/2010, 22:31

thomasmore ha scritto:salve ragazzi...volevo chiedere due cose riguardo alla pasturazione 1. usando la bolognese (con finale 0,12 - amo del 16 gamakatsu e bigattino) ho sempre pasturato con il bigattino ma con scarsi risultati. Secondo voi è meglio pasturare con sfarinati o pellet? e in tal caso come preparare la pastura? (chiaramente le prede sperate sono spigole saraghi o occhiate...). 2. usando l'inglese con pasturatore, si potrebbe - o dovrebbe - usare lo sfarinato o solo ed esclusivamente il bigattino?

Un'ultimo dubbio...come si potrebbe evitare la minutaglia che inevitabilmetnte si allama sulle montature leggere? Vi ringrazio preventivamente
Se vai a cefali, la migliore pastura è il pane inzuppato d'acqua, puoi farlo sul posto con del pane secco, lo immergi in un secchio d'acqua fino a farlo spugnare, in questo modo, appesantito dall'acqua, affonderà.
Se vai a saraghi è orate, la pastura migliore è la cozza tritata è sparsa sullo specchio d'acqua che vuoi pasturare, questo metodo viene fatto sul posto, munendosi di una mazza di legno con una stecca da imbianchino ed un guadino, ti affacci alla parete della banchina, raccogli le cozze, le trituri con i piedi, e pasturi, ovviamente questo metodo può essere utilizzato solo quando ci sono cozze nei paraggi :grin:
I bigattini sono un mezzo efficiente e molto pratico per pasturare, ma la loro leggerezza ed il lento affondamento, molte volte possono falsare il punto di pasturazione, capita quasi sempre di favorire altri pescatori nelle vicinanze, per ovviare a questo problema, esitono in commercio, dei leganti a base di zuccheri, che legano insieme i bigattini, per poi sciogliersi una volta arrivati sul fondo, oppure ci sono alcuni trucchetti come mettere del pane grattato o della farina nei bigattini o lasciarli in frigo per un po di tempo.
Se usi pasture artigianali, ti consiglio quelle della FIMA, per evitare la minutaglia, varia l'altezza del fondale, usa ami più grandi, il 16 va bene, usa bocconi più grandi.
Se peschi all'inglese col pasturatore, puoi usare sia i bigattini che esche artigianali, oppure un misto tra i due, in passato adoperavo una pastura a base di sarde tritate, acquistabile nei negozi di pesca, in secchielli da 5 Kg, la usavao sia dalla banchina con la bolognese, sia nel pasturatore della canna all'inglese.
Sono un po arrugginito sulla tecnica :grin: spero di esserti stato comunque di aiuto
Immagine
><((((((o>
L'emozione di una cattura al di la delle dimensioni della preda e della tecnica, conserva sempre intatto il suo fascino che stimola l'istinto umano di predatore!
Gaetano Marzano - Copyright By Spinclub.it

Avatar utente
jojofisherman
Livello Fisher
Livello Fisher
Messaggi: 71
Iscritto il: 21/10/2009, 12:53
Tecnica: Spinning
Interessi: pesca
Vivo a: Napoli


Re: dubbi sulla pasturazione

Messaggio da jojofisherman » 23/03/2010, 0:46

Se peschi con il bigattino, la pastura migliore sono senz'altro i bigattini, ma non hanno un grandissimo potere attrattivo, nel senso che se la preda non è nei paragi o non si trova a passare di lì difficilmente verrà attratta dal loro profumo, ma per la spigola è la migliore, per ovviare a problemi di corrente devi lanciare i bigattini regolandoti di conseguenza vedendo di quanto si spostano mentre cadono sul fondo. Se il fondale supera i 5 mt allora ti conviene usare delle colle (come ti suggerisce nino) magari mischiandole a della ghiaia che puoi trovare in negozi di giardinaggio o da articoli da pesca ben forniti.
Per quanto riguarda invece le pasture con gli sfarinati, puoi acquistare quelle già fatte in busta, o preparartele da te. Per quanto riguarda gli sfarinati confezionati è abbastanza facile orientarsi perchè sulla busta troverai varie indicazioni come ad esempio se è una pastura di fondo o di mezz'acqua, i "gusti" cioè al formaggio, di gamberi, di sarda e chi più ne ha più ne metta, ed inoltre ti indicano anche le specie ittiche attratte da questi composti. Per l'uso: versi lo sfarinato in un secchio e lo mescoli con le mani e gli aggiungi un po' d'acqua di tanto in tanto, mi raccomando devi razionarla bene avvolte anke solo bagnandoti le mani con se credi che ne serva solo pochissimo ancora. più la pastura sarà bagnata più scenderà velocemente sul fondo, e tenderà a rompersi sempre più lentamente, lo stesso vale per la pressione esercitata nel creare la palla, più stringi per comporla più sarà resistente.
Con gli sfarinati fai da te invece il discorso diventa molto più complesso, gli ingredienti di base sono la farina ( che la fa scendere molto a fondo) il pane grattuggiato ( che la rende più galleggiabile), gallette di riso triturate (che la fanno restare a galla se ad esempio peschi le aguglie), se vuoi invece che la pastura arrivi su alti fondali puoi aggiungere un po di sabbia all'impasto, poi ci sono i sapori da aggiungere, e cioè pecorino romano grattuggiato, gamberi tritati, cozze, sarde, e infine gli aromi, come bustine di vaniglina, zucchero, sale, olio per renderla più pastosa, peperoncino, dovrai solo scegliere il giusto mix di ingredienti per la tua pescata. le regole di bagnatura e pressione restano le stesse che per gli sfarinati confezionati.
La prima cosa da fare quando arrivi nello spot che hai scelto è preparare la pastura, dopodichè ne lanci una o due grosse palle in acqua e inizi a prepararti la montatura, e mentre peschi ogni volta che cali la lenza in acqua lancia anche una pallina delle dimensioni di una da calcio balila in mare.
poi ci sono pasture esclusivamente fatte con la sarda, che sono molto proficue per speci come saraghi e salpe, in questo caso devi triturare le sarde, meglio con le mani perchè si dice che i pesci riconoscano il sapore del metallo abbinandolo agli ami da pesca, e mischiarle o con pane grattuggiato, farina o sabbia ma di queste tre devi usarne solo poca, e preparare le solite sfere da lanciare in acqua, e se il fondale è molto profondo o c'è una forte mareggiata puoi rinchiudere le palle in reti biodegradabili da pastura, che trovi nei negozi di articoli da pesca, in modo che ti assicuri che la pastura non si sfaldi prima di arrivare sul fondo.
Cosa molto importante evita di fare forti rumori nel lanciare le pallette di pastura in acqua per non insospettire i pesci più grossi.
con l'uso del pasturatore so che si riempia solo di bigattini, qualche vota ho sentito di contone bagnato nell'olio di sarda ma mai altro, e credo comunque che la migliore sarebbe in ogni caso il bigattino.
Per evitare la minutaglia a mezz'acqua usa lenze maggiormente piombate che ti faranno scendere l'esca più velocemente sul fondo, ma andrai in contro al problema di rendere troppo statica l'esca quindi fallo solo se è proprio necessario.
spero di esserti stato utile

Avatar utente
thomasmore
Junior Spin
Junior Spin
Messaggi: 10
Iscritto il: 03/01/2010, 18:24
Tecnica: spinning
Vivo a: caivano


Re: dubbi sulla pasturazione

Messaggio da thomasmore » 23/03/2010, 12:44

grazie ragazzi per le delucidazioni...un'ultima domanda: se preparo un chilo di pastura con gli sfarinati (in pratica una busta di quelle che si vendono in giro...), la si deve consumare tutta o si può conservare in frigo magari per il giorno dopo...?

Avatar utente
Nino
Site Admin Founder
Site Admin Founder
Messaggi: 8075
Iscritto il: 16/10/2008, 9:06
Tecnica: Spinning-Casting
Interessi: Pesca Sportiva-informatica
Vivo a: Napoli
Il mio Nome: Nino
Località: Napoli
Contatta:


Re: dubbi sulla pasturazione

Messaggio da Nino » 23/03/2010, 15:39

Leggi sulle indicazioni del prodotto, le pasture fima vanno tenute in frigo è consumate intermante in un unica uscita.
Immagine
><((((((o>
L'emozione di una cattura al di la delle dimensioni della preda e della tecnica, conserva sempre intatto il suo fascino che stimola l'istinto umano di predatore!
Gaetano Marzano - Copyright By Spinclub.it

Avatar utente
Sabatino
Junior Spin
Junior Spin
Messaggi: 2
Iscritto il: 11/04/2014, 20:41
Tecnica: -
Vivo a: reggio emilia
Il mio Nome: Sabatino


Re: dubbi sulla pasturazione

Messaggio da Sabatino » 24/10/2017, 11:05

Ciao a tutti,
ci sono vari modi di pasturazione e bisogna sapere cosa si vuole fare.
carponline.it/blog/p/strategie_di_pasturazione_per_sessioni_veloci.htm
Qua ci sono alcune informazioni utili.
Saluti a tutti.

__________________
Servizi di tinteggi reggio emilia Civili e Industriali > Visita MasterPaint.it

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti